Home

Il 18 Febbraio 2017 ricade il 97° compleanno della Garbatella, fondata nel 1920, grazie al sogno architettonico ispirato alle “Città Giardino”, oggi osservato e studiato in tutto il mondo.

Il giorno di posa della Prima Pietra, rende la Garbatella l’unico quartiere che possa rivendicare il proprio compleanno.

Le “Città Giardino” nascono da un’idea filosofica architettonica sperimentale che intendeva promuovere forme abitative alternative ispirate all’abitare comunitario ed integrato.

Un quartiere nato a tavolino per gente sfollata a seguito degli sventramenti di via della Conciliazione, per molti anni vittima di illegalità, ha dato i natali a personalità culturali ed artistiche fra  le più illustri e meno famose, ma sempre cariche di grande umanità,  da Maurizio Arena a Valerio Mastandrea, passando per Victor Cavallo ,  Alberto Sordi , Enzo Staiola, Tiziana Foschi  fino al più tradizionale interprete della canzone romana Alvaro Amici.

E’ stata ispiratrice di Pasolini, Daniel Pennac,   Montessano,  Nanni Moretti.

L’intenzione originaria di destinare la Garbatella a zona promotrice di una “nuova veste industriale dell’inoperosa capitale” , le sempre più forti tensioni sociali del dopoguerra e il desiderio di pacificazione da parte delle classi dominanti, saranno le  condizioni basilari affinché i più illustri ed illuminati architetti dell’epoca, fra cui Gustavo Giovannoni, Marcello Piacentini, Del Debbio, Limongelli,  Sabbatini, si rivolgessero ai modelli architettonici inglesi, riprendendo fedelmente l’ispirazione del sogno di Owen delle “Città Giardino”, dove l’Urbanistica è interpretata come Contenitore di Contenuti sociali ,   dimostrando nel Tempo  quanto sia  vero  l’assunto per il quale    - la Storia è fatta dalla Gente e dai suoi Riti, Segni e Simboli 

 

la programmazione

La programmazione nasce il 18 Febbraio 1999 su un’ispirazione spontanea del suo fondatore Paolo Moccia, raccogliendo il consenso di associazioni e cittadini del quartiere, sviluppatasi nel tempo dal 2004 è coordinata dall’associazione i.t.a.c.a.

Ad oggi la XVIII° edizione è l’evento che celebra la Cultura delle Tradizioni Popolari della Capitale,  sviluppando un cammino ambizioso, teso a diffondere non solo la cura e la tutela del quartiere storico, ma come questa sia direttamente e proporzionalmente collegata alla cultura del quotidiano, in tutti gli aspetti della sfera individuale e collettiva.   

la mission

Dal 1999 il palinsesto degli eventi che animano il “Buon Compleanno Garbatella” con i propri spettacoli ricorrenti, si propone come occasione di valorizzazione dei Segni, dei Simboli, dei Significanti del Territorio, dove il patrimonio storico ancora vive il quotidiano grazie alla trasmissione orale del ricordo di “protagonisti di tutti i giorni’, della musica e della poesia che hanno reso famosi i grandi personaggi del Cinema, della Cultura, dello Sport e che hanno i propri natali fra queste vie, a dimostrazione che il “Buon Compleanno Garbatella” non è un ’esperienza associativa solamente locale e periferica, ma il risultato di una strategia di tutela culturale ricca delle fatiche ultra decennali che hanno investito in questo valore.

Il calendario ricorrente promuove varie discipline e scuole artistiche, sociali, accademiche, mantenendo la filosofia fondante: la necessità del binomio imprescindibile fra Memoria e Ricerca, accompagnato da un tema di riflessione al quale vengono dedicati gli spettacoli di ogni appuntamento annuale.

 Ogni programmazione culturale contiene un messaggio valoriale di riflessione.

L’edizione 2017 è dedicata alla Famiglia Sociale, intendendo con questo che la risposta alle emergenze è nella lettura prospettica fra i Bisogni delle Identità Singole e Collettive. Non solo, sono previsti eventi ed incontri di studio ed approfondimenti, proseguendo il messaggio lanciato nella scorsa edizione, su come siano reciprocamente influenti fra loro, gli assetti urbanistici e i mutamenti sociali e su come questa reciprocità possa indicare gli interventi urgenti necessari di compiere.